Una sana libertà. Difesa sociale e cura nella legislazione manicomiale italiana 1904–1978

Ernesto De Cristofaro

Università degli Studi di Catania
edecristofaro@lex.unict.it

Abstract
Il trionfo della ragione obbliga ad espellere dal campo sociale la follia e relegare il malato mentale in uno spazio chiuso. La filosofia della legge 36/1904, in vigore per quasi un secolo, è scandita da enunciazioni che descrivono i malati di mente come persone «pericolose a sé o ad altri e […] di pubblico scandalo». Quando, nel 1961, Franco Basaglia entra nel manicomio di Gorizia, incontra centinaia di disperati legati ai letti o ridotti allo stato vegetativo. Il principio di inviolabilità della dignità umana nella cura medica varcherà le porte del manicomio solo con la legge 180 del 1978.

Parole chiave
Follia; psichiatria; manicomio; pericolosità; libertà.

Scarica articolo in pdf

05_De-Cristofaro