Il giudice per le indagini preliminari: un distacco reale o apparente dal giudice istruttore?

Federica Reale

federica.reale@outlook.com

Abstract
Il codice di procedura penale italiano del 1988, varato dopo un travaglio di sei legislature, mirava, tra l’altro, a potenziare la tutela della libertà personale dell’imputato e a separare definitivamente le funzioni inquisitorie e giurisdizionali. Il risultato più evidente di questo sforzo fu l’istituzione del Giudice per le Indagini Preliminari. Tuttavia, dall’analisi delle riforme immediatamente posteriori e della giurisprudenza, emerge l’essenziale fragilità di tale controllo, e la sostanziale sopravvivenza di schemi inquisitori nella forma mentis giuridica italiana.

Parole chiave
Procedura penale; G.I.P.; custodia cautelare; codice; giudice istruttore.

Scarica articolo in pdf

07_Reale