Sicurezza vs. libertà costituzionali: la «legge Reale» n. 152 del 22 maggio 1975

Mario Riberi

Università degli Studi di Torino
mario.riberi@unito.it

Abstract
Il referendum per l’abrogazione della «legge Reale», posto in votazione nel giugno 1978 dall’iniziativa del partito radicale, che se ne era fatto promotore, era la prima consultazione referendaria dopo quella sul divorzio, ma fu condizionata nel risultato dall’assassinio di Aldo Moro e dall’esperimento del compromesso storico. Ben 24 milioni di cittadini pari al 76,5% si pronunciarono per il mantenimento della Legge. La Legge reale per alcuni autori mirava a tutelare un ordine pubblico inteso come ordre dans la rue, dove la strada appariva come lo spazio simbolico e più appariscente dell’emergere delle tensioni sociali e del dissenso politico.

Parole chiave
Legge Reale; libertà costituzionali; sicurezza; ordine pubblico; dilemma democratico.

Scarica articolo in pdf

06_Riberi

Sicurezza e libertà nelle strategie di contrasto al banditismo nel regno di Sardegna tra XVIII e XIX secolo

Matteo Traverso

Università degli Studi di Torino
matteo.traverso@unito.it

Abstract
L’analisi del binomio sicurezza / libertà si rivela particolarmente problematica se riferita ad un fenomeno criminale complesso e polisemico come è il banditismo. Il contributo si propone di analizzare la disciplina e le strategie di contrasto del banditismo presenti nell’ordinamento giuridico del regno di Sardegna a cavallo tra XVIII° e XIX°, al fine di evidenziare come quell’esperienza giuridica risolse il rapporto tra sicurezza pubblica e libertà individuale in relazione ad una fenomeno criminale che era considerato tra quelli più lesivi per la pace sociale.

Parole chiave
Banditismo; Regno di Sardegna; Sicurezza

Scarica articolo in pdf

02_Traverso